l’arbitro delle mode. (G. D'Annunzio, Il piacere, 1889) In Italia , dopo l'esperienza della Scapigliatura e quella di Fogazzaro , sarà il contemporaneo D'Annunzio espanderà alcuni concetti di Nietzsche esaltando la libertà creativa, come nel Fuoco , e la vittoria del più forte, come ne La morte del cervo . romano sul romantico studente abruzzese, facendone un personaggio molto discusso. Essi sono: l’Estetismo ed il Superuomo. 5 cose da sapere su Gabriele D’Annunzio, 5 concetti chiave indispensabili per preparare una tesina e per un ripasso in vista degli esami di maturità. Trasferitosi a Roma, collabora con giornali e riviste e conosce la mondanità; nel 1882 pubblica Canto Novo, con cui riscuote un notevole successo di critica, e la raccolta di novelle Terra Vergine. che supera i normali limiti umani, sottraendosi ai vincoli della morale comune e della religione, in grado di Alla affermazione è, legata l'idea della generosità e della munificenza a cui il, Poeta si ispirò sopratutto negli ultimi anni trascorsi al. nel ’38. trascorsa in Versilia con Eleonora Duse; viene celebrata l’estate e il suo progressivo esaurirsi nell’autunno. galvanizzando l’opinione pubblica. una villa detta “La Capponcina”, dove spese parte dei suoi avere per lavori di ristrutturazione, arredamento, - Si arruola come volontario all’età di 52 anni e partecipa a imprese rischiose ed esemplari, - Si inventa le sue famose gesta: la guerra si fa spettacolo. DELL’INTELLETTUALE. Superomismo Altra corrente legata al decadentismo è il "superomismo", teorizzato in chiave filosofica da Nietzsche. Le Laudi:contenuti generali. propria morte per una caduta da cavallo. OPPORSI REALMENTE ALLA BORGHESIA IN ASCESA, La fase dell’estetismo entra in crisi. comportamenti dei protagonista e le rappresentazioni di luoghi e oggetti. copie per trarne più soldi. legge il bello e si trasforma in opera d’arte. I magazzini, originariamente, chiamati " magazzini Bocconi" furono distrutti da un, incendio che ne bloccò per un certo periodo l'attività. Periodo in cui il poeta fu costretto ad una assoluta immobilità a causa di un distacco della retina provocato da dal mondo dei libri nella tua casella email! L’anno successivo sposa Maria Hardouin di Gallese e pubblica le poesie di Intermezzo di Rime che suscitano scandalo per il tema erotico. Gabriele D’Annunzio nasce a Pescara nel 1863, fu poeta, scrittore, combattente. orazioni infiammate, mito della guerra. immaginario e perfetto. la degenza scrive Il notturno su sottile strisce di carta nella più completa oscurità assistito solo dalla figlia ESTETISMO: si intende la ricerca del piacere, fine a se stesso; l’identificazione della bellezza, del godimento estetico, dell’arte, della forma come assoluto; l’idea centrale del … Narra dei suoi primi amori e viene giudicata negativamente da Carducci, massimo poeta dell’epoca. Alla radice delle scelte artistiche ed esistenziali si ritrova, comunque, il medesimo desiderio di vivere e di possedere la realtà in tutte le sue manifestazioni sensibili, un bisogno ossessivo di godimento sensuale, di vitalità, energia e di forza, impulsi che si sublimano nel culto estetizzante della Bellezza. Assurto ormai a poeta vate della nuova Italia, nel 1915 rientra in patria, dove è protagonista della campagna interventista e della Grande Guerra, in cui partecipa a numerose azioni belliche e perde l’occhio destro. questo caso si adattò, scrivendo opere teatrali in francese. L’ideologia del primo Novecento: la situazione storica e sociale in Italia.Le istituzioni culturali: il panorama delle riviste. ESSENZIALE NEL PROCESSO DI ELEVAZIONE DELLA STIRPE DA PARTE DI QUEI POCHI influssi dell’esperienza di giornalista mondano soprattutto nelle lussuose descrizioni della Roma salottiera. Fiume, dove instaurò un dominio personale sfidando lo Stato italiano. romanzo decadente francese di Huysmans e Il ritratto di Dorian Gray di Oscar Wilde. Ciò lo rese non solo uno scrittore ma anche un protagonista della vita nazionale, capace di influire, come un modello di comportamento, sull’opinione pubblica. Famiglia Trasgressione In tale situazione di inerzia Un Nel 1910, a causa dei creditori inferociti, fu costretto a fuggire dall’Italia e a rifugiarsi in Francia. Nel 1881 è a Roma dove si iscrive all’università, che abbandonò presto perché cominciò a frequentare i Gabriele D’Annunzio: vita, opere e poetica, Shopper in regalo ai lettori: ecco come averle, Leonardo Sciascia: vita e opere dello scrittore siciliano, Batman Begins: trama e trailer del film stasera in tv, Scuole: si torna in classe entro Natale? controllo strettissimo. La poetica di D’Annunzio – di ascendenza nettamente decadente – deriva dai presupposti ideologici appena richiamati e si contrappone a quella di stampo positivista poiché ripudia la ragione come strumento di conoscenza e nega all’intelligenza la possibilità di stabilire una gerarchia valoriale che possa guidare l’agire umano. Vittoriale degli Italiani, dove risedette fino alla decadenza fisica e la morte che sopraggiunse nel 1938. Tra i maggiori esponenti italiani ricordiamo Gabriele D'Annunzio , Carlo Bo, Alfonso Gatto, Eugenio Montale, Salvatore Quasimodo , Mario Luzi , Giuseppe Ungaretti, Vasco Pratolini e tanti altri. La poesia del secondo Ottocento: concetti chiave e cenni alla lirica europea (Baudelaire). positivi. 1) ESTETISMO (risposta alla crisi del ruolo intellettuale). La stesura di Alcyone è compresa tra il giugno 1899 e il novembre 1903. La sua è un’esistenza costruita artificialmente per realizzare l’ideale del “vivere inimitabile”. Il principale pregio di Gabriele D’Annunzio era quello di intuire immediatamente quali fossero i gusti dominanti e di adattarsi con prontezza raccogliendo i favori del pubblico. La poesia dell’Alcyone”:analisi di testi scelti. dello stesso stile, ma del medesimo contenuto. Dorian Gray e Andrea Sperelli sono eroi decadenti. È il primo romanzo di D’annunzio, pubblicato nel 1889, che richiama A rebours (Controcorrente), un In, occasione della riapertura, l'esercizio commerciale. F. Nietzsche in Così parlò Zarathustra (1883-84) aveva esposto Il concetto di “superuomo”, un individuo - Le laudi (titolo per esteso: LAUDI DEL CIELO, DEL MARE, DELLA TERRA E DEGLI EROI), OPERA INCOMPIUTA: dovevano essere 7 libri, uno per ciascuna stella della costellazione delle Pleiadi un incidente di volo.A causa della cecità, tutta l’esperienza vitale si concentra sugli altri sensi F 0 D 8 Per la famiglia di industriali Caproni, pionieri del volo. sua nuova dimora di Venezia, assistito dalla figlia Renata, chiamata la Sirenetta. Nel 1897 iniziò una relazione con la celebre attrice Eleonora Duse, con la quale ebbe A lei resterà legato fino al Banalizzando e forzando alcuni concetti del filosofo, D’Annunzio approda alla teoria del superuomo, diritto di pochi esseri eccezionali ad affermare sé stessi, sprezzando le leggi comuni del bene e del male. azioni bassissime dal punto di vista dell’anima, ma poi hanno una risalita. Personaggio imprevedibile, Lo stile è ricco e prezioso, sente gli Pascoli e D’Annunzio sono entrambi FANCIULLI nell’amore: - Pascoli = rapporto morboso con le sorelle. inizio la stagione centrale della sua vita. Anche se abbiamo parlato di tanti atteggiamenti in D'Annunzio il motivo principale delle sue opere e della sua vita è una sensibilità molto raffinata che cerca di cogliere impressioni, attimi fuggenti, che non riesce a rappresentare i fatti umani ma il loro svolgersi. teorie delle correnti culturali a lui contemporanee. Il D'Annunzio ha pure presentimenti malinconici dolci, e una lingua più modesta nel Notturno che ci fa pensare ai Crepuscolari. Nel 1919, conosce a Venezia la pianista Luisa Baccara, che sarà accanto a lui durante 5 cose da sapere su Gabriele D'Annunzio, 5 concetti chiave indispensabili per preparare una tesina e per un ripasso in vista degli esami di maturità. D’Annunzio: alcune liriche a scelta. dell’esteta, ma la ingloba in sé, conferendole una nuova funzione: IL CULTO DELLA BELLEZZA E’ Tra il 1910 e il 1915 è in Francia dove si trasferisce, nel 1910, dopo la pubblicazione del romanzo Forse che sì, forse che no, insieme a Nathalie de Goloubeff; compone Le martyre de Saint Sebastien (1911), in francese arcaizzante, musicato da Debussy; il melodramma Parisine (1912), musicato da Mascagni e sceneggia il film Cabiria (1914). Gabriele D’Annunzio La pioggia nel pineto LIVELLO TEMATICO. salotti mondani. • Il superuomo = modello dell’umanità futura, • Uomo libero dalle superstizioni, dalla religione (“Dio è morto”, Nietzche), • Individuo singolo, in grado di realizzarsi pienamente, deriva dal Dio PAN, divinità pagana del mondo pastorale, e da “pan”, in greco = “tutto, • Identificazione, fusione con l’elemento naturale, selvaggio, • Concezione pagana della natura come forza animata, • Sensualità: predominio dei sensi sulla ragione, • Rifiuto della storia: l’artista si pone al di fuori e al di là della storia, • Spettacolarizzazio-ne delle vicende biografiche, • Costruzione del mito del GENIO SOLITARIO, • Disprezzo per le masse e per la democrazia. significati che i suoni suggeriscono piuttosto che per il significato preciso del termine; molte È stato il nostro autore più aperto alla modernità perché ha voluto conoscere e provare nelle sue opere le Per d'Annunzio il verso è tutto: nel verso si esprime l'essenza della poesia, che è primariamente suono, melodia, musica, catena di significanti che comunicano direttamente all'anima i significati più profondi. Articolo originale pubblicato su Sololibri.net qui: mescolarsi con il Tutto e con l'assoluto, due concetti chiave del decadentismo. Solo saltuariamente seguiva la Duse in tournee e si consolava con altre amanti mentre lei era assente. Nel 1887 frequenta Barbara Leoni; pubblica i romanzi: Il Piacere (1889) che riscuote grande successo e L’Innocente (1891). A una tumultuosa vita sentimentale (lascia la Duse per Alessandra di Rudini e, poi, quest’ultima per Giuseppina Mancini) corrisponde una frenetica produzione letteraria e drammaturgica (Più che l’amore; La nave; Fedra, pubblicati tra il 1906 e il 1909) che gli dà fama internazionale. allevamento di cani e cavalli, regali folli all’amante. Il panismo indica la capacità del poeta di abbandonarsi ai brividi più tenui e impalpabili della natura, di immedesimarsi con le cose stesse, con il mare, il fiume, la pioggia, sino a perdere il proprio nome e il proprio destino tra gli uomini. famosa per il lusso sfrenato e per i levrieri e i cavalli che acquista senza badare a spese. Roma, Andrea si lascia scappare il nome della rivale. Laus Vitae è un lungo poema autobiografico di ottomilaquattrocento versi, scritto da Gabriele d'Annunzio.Pubblicato per la prima volta nel 1903 è il primo volume delle Laudi del cielo, del mare, della terra e degli eroi.. Nell'opera, il poeta esalta un superomistico ardore di sperimentazioni e di avventura. Era spesso inseguito dai creditori e cercava vari mezzi per evitarli. Il successo della Gabriele D’Annunzio nasce a Pescara nel 1863 da genitori di famiglie agiate e compie studi liceali a Prato dove ottiene la licenza nel 1881. Queste opere, dove il protagonista è sempre un esteta dalla volontà malata, risultano assai deboli dal punto di vista dell’intreccio e del ritmo narrativo, si rivolgono a un pubblico colto e mirano a costruire un libro ideale dove lo stile deve dar prova di padroneggiare le più diverse virtù della parola scritta. approda alla teoria del superuomo, diritto di pochi esseri eccezionali ad affermare sé stessi, sprezzando le D’Annunzio può essere, quindi, definito un esteta perché concepisce la vita come culto dell’arte e del bello, la costruisce come opera d’arte raffinata e preziosa e pone, esulando da ogni morale, la Bellezza stessa come valore assoluto della propria vita. Gabriele D'Annunzio è considerato uno dei maggiori rappresentanti del Decadentismo italiano ed ha ripreso la poetica del superuomo sviluppata da Nietzsche leggi comuni del bene e del male. Attraverso una maschera che finge di indossare (= rifiuta inorriditola mediocrità borghese e si rifugia in un La poesia, quindi, viene intesa come sapienza intuitiva che coglie la suprema armonia dell’universo, un mondo e una verità più profondi di quelli mostrati dalla ragione e dalla scienza. In D'Annunzio il tutto prende la forma della natura, riferimento al dio greco Pan, divinità dei boschi e tutte quelle che hanno a che fare con la natura. Gli esami di maturità si avvicinano e molti studenti sono alla ricerca di riassunti per un ripasso veloce degli autori principali del Novecento. - Pilota finalmente gli aerei che tanto aveva ammirato, ma a causa di un incidente perde un occhio e durante Testimonianza più esplicita il romanzo Il piacere 1889. È un romanzo anti-naturalista: la trama è molto esile e privilegia la descrizione degli stati d’animo e dei Taci. D’Annunzio compone opere non appunti di Filosofia. F 0 D 8 'Annunzio lanciò una propria linea di profumi, F 0 D 8 Coniò il nome Saiwa per l'azienda di biscotti, Registrati a Docsity per scaricare i documenti e allenarti con i Quiz, Estetismo, Superomismo, Panismo, confronto con Pascoli, Gabriele D'Annunzio, vita, opere e concetti chiave, GABRIELE D'ANNUNZIO, ALCUNI CONCETTI FONDAMENTALI, Gabriele D'Annunzio vita date ermetismo punti chiave appunti, Copyright © 2020 Ladybird Srl - Via Leonardo da Vinci 16, 10126, Torino, Italy - VAT 10816460017 - All rights reserved, Università degli Studi di Napoli Federico II, Università degli Studi di scienze gastronomiche. Pioggia nel pineto); la natura viene descritta con del poeta latino Rabirio, contemporaneo di Augusto, citato da Seneca “Hoc habeo quadcumque dedi".D’Annunzio si occupò, Con un’astuta strategia promozionale egli ingaggiò il, famosissimo d’Annunzio il quale redasse le, cosiddette “didascalie vergate”, supervisionò, soggetto e sceneggiatura (già in parte abbozzati da, Per la collaborazione a Cabiria d'Annunzio percepì, (1914).Normalmente la sua retribuzione era di circa, quattromila lire a film, importo più che consistente, all’epoca. D'Annunzio non fu ostile al fascismo e il fascismo non fu ostile a D'Annunzio. • impresa di Fiume contro la vittoria mutilata. L'arte è il valore supremo a cui ambire; è la risposta alla volgarità del mondo borghese, che d'Annunzio disprezza. In D’Annunzio convivono il poeta simbolista, che ricerca una forma eletta di conoscenza e di espressione del reale, e l’esteta superuomo, consapevole del valore pratico dell’opera d’arte, carica di potenzialità civili e poetiche. Uomini che giungono a vivere RIPIEGAMENTO SU SE STESSO. D’Annunzio si fece interprete per i rancori della “vittoria mutilata”, capeggiando una marcia di volontari su Seguici, commenta le recensioni e consiglia i libri migliori da leggere, Segui i nostri consigli e promuovi il tuo libro gratis con Sololibri.net, Sololibri.net / New Com Web srlsC.F./P.Iva 13586351002, Gabriele D’Annunzio: vita, opere e poetica. Il Simbolismo è una corrente letteraria (e artistica) sorta in Francia alla fine dell’800 in opposizione alle correnti più diffuse all’epoca, il realismo e il naturalismo. film fu presentato in sala così: CABIRIA /, Visione storica del III secolo a.C. / Film di Gabriele, D'Annunzio fu un grande pubblicitario e coniatore di, F 0 D 8 Anche il nome de La Rinascente, per gli omonimi, attuali grandi magazzini di Milano, fu suggerito da, Gabriele d'Annunzio. Nel 1887 conosce Barbara Leoni, la musa ispiratrice del Trionfo della morte. Svariate sono le imprese cui partecipa, che non hanno valore tanto ai fini della guerra quanto per mantenere completa oscurità per almeno 3 mesi. 10. SIMBOLISMO IN LETTERATURA: SIGNIFICATO. In realtà è la traduzione di un emistichio. eroismi di guerra, lo scandalo di alcuni amori vissuti pubblicamente e trascritti nei suoi libri. uomo di vizi e di virtù. APPUNTI DI FILOSOFIA DALLE LEZIONI DELLA PROF.SSA ELENA PROFETI 1 RIEPILOGO SU SOREN KIERKEGAARD (Copenhagen 1813-1855) Opere rilevanti da ricordare“Aut-: aut ” (di cui fa parte Diario di un seduttore“ , 1843); “”Timore e tremore” Gabriele D’Annunzio ha sempre cercato di fare della sua vita un’opera d’arte. immensa a tal punto da riuscire a infiammare le masse ed essere osannato quasi quanto un dio. Ecco le 5 cose principali da sapere su Gabriele D’Annunzio, un riassunto dei concetti necessari per comprendere l’autore, sperando che siano un utile punto d’avvio per la redazione di una tesina scritta in vista degli esami di maturità o la scrittura di elaborati con un maggiore livello di approfondimento, spesso richiesti negli esami universitari. È già poeta a sedici anni con la pubblicazione di un’opera in versi, Primo vere nel 1879. Dopo la guerra con l’ascesa del Fascismo D’Annunzio si ritira presso il Vittoriale sul Garda fino alla morte In Inghilterra sono gli anni della regina Vittoria, dell’impero coloniale e dell’arresto di Oscar Wilde per il … Nell’immediato dopoguerra rimane uno degli italiani più in vista, soprattutto per l’occupazione di Fiume (1919) dove fonda la “Reggenza italiana del Carnaro”. La notizia ebbe l'effetto di richiamare l'attenzione del pubblico LE LAUDI DI D’ANNUNZIO POETICA E TEMI DI ALCYONE. Influenzato da Nietzsche di cui lesse lo Zarathustra, avversò sempre la routine del mondo borghese industriale e le istituzioni democratiche e parlamentari a cui contrappose una concezione aristocratica, con il correlato disprezzo delle masse. Dei quattro libri, Alcyone è artisticamente il migliore. Così definita dal titolo del titolo dell’opera più significativa La relazione con Eleonora Duse si incrinò nel 1904, dopo la pubblicazione del romanzo Il fuoco, in cui il Il panismo deriva dal greco παν, tutto, e si riferisce alla tendenza del confondersi e mescolarsi con il Tutto e con l'assoluto, due concetti chiave del decadentismo. Io ho quello che ho donato, Inciso sul frontone all'ingresso del Vittoriale, è questo il, più celebre dei motti dannunziani. restare sulla cresta dell’onda, e infatti fu un vero divo dell’epoca, conosciuto in tutta Europa. Lo stile dannunziano è caratterizzato dall’uso di vocaboli rari e preziosi, da una ricca quantità di immagini e dalla continua ricerca del ritmo e della musicalità che puntano a colpire i sensi più che l’intelletto del lettore. Gabriele D’Annunzio nell’insolita veste di aviatore 8. ELETTI: L’estetismo non più rifiuto sdegnoso della realtà, ma strumento di dominio della realtà. Raccolte liriche: - Primo vere (condizionate da Odi barbare di Carducci), Prosa: - Terra vergine (si rifà a Vita dei Campi di Verga), Presto si rende conto di quanto sia debole la figura dell’esteta: L’ESTETA NON HA LA FORZA DI A soli 20 anni D’Annunzio sposa a Roma Maria Altemps Hardouin, duchessa gallese. La pioggia nel pineto testo. Sperimentò tutte le forme e i generi letterari per rincorrere i desideri del pubblico e le tendenze letterarie del affittò la villa "La Capponcina", trasformandola in un monumento del gusto estetico decadente; resterà ma poi utilizza i mezzi della società di massa per celebrare le sue opere. Ma D’Annunzio scrisse solo 4 libri: MAIA, ELETTRA, ALCYONE nel 1903, mentre MEROPE nel 1912. Si tratta di un diario lirico di una vacanza estiva del poeta, che racconta attraverso le poesie un’estate Anche in Valori simbolo: Valori simbolo: Casa Individualismo Mussolini non ha mai sottovalutato D’Annunzio e lo pose sotto un Lavoro Superomismo aristocratico reazione alla condizione di degradazione dell’artista). dagli amori eleganti, dal lusso sfrenato. Il sesso, in particolare, era il Attraverso il mito del superuomo, declinò la sua concezione totalizzante dell’arte anche nella dimensione civile e politica, elaborando l’idea di una missione di grandezza e di potenza della nazione italiana, da realizzare attraverso una vita eroica e il perseguimento della gloria militare; a questo mito dell’eroe si collegano il giudizio negativo sull’Italia postunitaria e la ricerca delle proprie radici storiche nella civiltà pagana greco-romana e in quella rinascimentale. Questi esseri privilegiati devono ergersi al di sopra della massa e strappare Nell’ultimo incontro amoroso con Maria prima che la donna sia costretta a lasciare spiegazione dei concetti chiave di Nietzsche . Propone un’immagine nuova di intellettuale, che si pone al di fuori della società borghese. Banalizzando e forzando alcuni concetti del filosofo, D’Annunzio vero «levame della sua arte», cioè, alla lettera, il lievito che faceva fermentare in lui l’aspirazione artistica. spiegano così molti colpi di testa della sua esistenza, come le improvvise prese di posizione politica, gli Nel ventennio fascista rimase lontano dai centri del potere, anche se il Fascismo si fregiava del alto il morale del popolo e dei soldati al fronte: • volo su Vienna realtà. – Giovanni Verga Giovanni Carmelo Verga fu uno scrittore e drammaturgo italiano, proclamato maggiore esponente della corrente letteraria del VERISMO; abbiamo selezionato in questo articolo i migliori schemi riassuntivi su questo autore presenti su questo sito. 5 cose da sapere su Gabriele D'Annunzio, 5 concetti chiave indispensabili per preparare una tesina e per un ripasso in vista degli esami di maturità. L’arte è il valore supremo e ad essa devono essere subordinati tutti gli altri valori. ambienti e atmosfere, 2) FASE DELLA BONTA’ (fase di transizione), La crisi dell’estetismo non approda subito a soluzioni alternative. Canta, poi, lo slancio panico dell’io che contempla la bellezza della natura e si perde totalmente in essa: nell’estate e nell’ora panica (quella assolata, del meriggio estivo), descritte in Alcyone, il poeta, messe da parte le esasperazioni erotiche e la retorica magniloquente, si abbandona all’incanto musicale della natura ed esprime la dissoluzione dell’umano nel naturale, cioè la capacità dell’io di trovare la comunione con il tutto. Pascoli: D’Annunzio: Poetica delle cose semplici Raffinatezza dell’esteta, Natura umile: campagna Natura “panica”, lussureggiante. La vicenda propone un eroe contemporaneo, un esteta aristocratico e colto, Andrea Sperelli, diviso tra la